Guida a Washington D.C.

Qualche anno fa ho avuto la fortuna di trascorrere circa un mese e mezzo a Washington D.C., negli Stati Uniti. Vivendo con una famiglia locale ho potuto immergermi appieno in quella che è la cultura e lo stile di vita americano. Essendo la capitale del Paese, il legame con la storia è molto forte e percepibile quasi ovunque.
Ho trascorso ore all’interno dei musei, bramosa di apprendere quanto più potevo. Anche perché qui i musei sono gratuiti. Sì, avete capito bene. E non stiamo parlando di un piccolo museo di cianfrusaglie in qualche paesino sperduto, ma di alcuni tra i più importanti musei del mondo.
Avendo un debole per i musei di storia naturale, quello di Washington è entrato immediatamente tra i miei preferiti, assieme a quello di New York e Londra. Ma quello che più mi ha colpito, e dove sono infatti tornata più volte, è il National Museum of the American Indian. La storia degli indiani d’America mi ha sempre affascinato, il museo è davvero ben curato e mi ha permesso di approfondire la mia conoscenza su questo popolo.

national museum of the american indian

Una chicca per i malati di USA come me è senz’altro il Museo di Storia Americana, il quale spazia tra tanti temi diversi, catapultandoti a 360 gradi nella cultura a stelle e strisce.
Degni di nota sono infine il National Gallery of Art e forse il più popolare tra tutti, ossia il National Air and Space Museum, per gli appassionati di aeronautica e voli spaziali.
Come avrete potuto intuire, con la sola visita ai musei le ore voleranno senza neanche accorgervene. Ma Washington è molto altro.
Il mio consiglio è di prendervi una mezza giornata per percorrere in tutta tranquillità il National Mall, che si estende per circa 3 chilometri dal Campidoglio fino al Lincoln Memorial, da dove Martin Luther King tenne il suo famoso discorso “I have a dream”. Camminare lungo questo viale era per me estremamente rilassante, e allo stesso tempo potevo godere della vista dei monumenti più famosi della città. Proseguendo potrete poi incontrare altri importanti memoriali e arrivare infine al Jefferson Memorial, probabilmente il mio preferito, un piccolo edificio in stile neoclassico, sormontato da una cupola. Se la vostra vacanza coinciderà con i mesi primaverili avrete inoltre la fortuna di assistere alla meraviglia dei ciliegi in fiore durante la vostra passeggiata.

washington lincoln memorial

washington jefferson memorial

washington white house

washington white house

Una tappa imperdibile per chiunque visiti la capitale degli Stati Uniti è senz’altro la Casa Bianca, sede del Presidente in carica. Inutile descrivere l’emozione che si prova trovandosi lì di fronte, ripensando a tutte le volte che l’abbiamo vista in televisione.
L’ultimo suggerimento che vorrei darvi è quello di trovare il tempo per visitare il cimitero di Arlington, uno dei luoghi che più fra tutti mi ha lasciato dentro qualcosa.

washington arlington cemetery

Le meraviglie di Washington non sono finite qui, potrei stare a parlarne per ore. Avendola non solo visitata da turista, ma vissuta dall’interno, posso dire di sentirla un po’ mia. E sono sicura che prima o poi le nostre strade si incroceranno di nuovo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *